Collaborazioni | Temi | Sezioni | Casi Pratici | News | Link | Home
 
Archivio NEWS

Archivio News

17/09/2006 NEWS N° viste: 2686

CORTE d'APPELLO di ROMA
Il danno alla vita di relazione causato da una specifica menomazione della integrità fisica, va ricondotto nel complessivo risarcimento del danno biologico.


La nozione di danno biologico, inteso come lesione alla integrità fisica e psichica medicalmente accettabile, anche se astrattamente distinguibile dal danno esistenziale (di cui il danno alla vita di relazione costituisce un aspetto), essendo il primo costituito dalla esistenza di una lesione al diritto della salute mentre il secondo da una alterazione della vita quotidiana connessa con le attività realizzatici della persona, tuttavia allorché non si è in presenza di un danno esistenziale non-biologico (aggressioni cioè che non investono la salute ma posizioni di altro genere, quali onore, libertà di movimento, privacy, normalità familiare etc.) ma di un danno esistenziale che origina da un cd. danno biologico non è possibile pervenire ad una duplice liquidazione del danno (biologico ed esistenziale), pena la duplicazione risarcitoria, dovendosi ritenere che sussiste una sostanziale coincidenza fra danno biologico e quello esistenziale.



Fonte: DirittoSanitario.net


 

Copyright © 2005-2015 DermatologiaLegale.it - All rights reserved     •     privacy policy     •     cookie policy