Collaborazioni | Temi | Sezioni | Casi Pratici | News | Link | Home
 
Archivio NEWS

Archivio News

17/12/2007 N° viste: 2716

UN MODULO PRESTAMPATO E GENERICO NON E' NEMMENO UN INDIZIO DEL CONSENSO INFORMATO

Trib. Forlì, Sez. dist. Cesena, 21 giugno 2007, n. 209


Anche se l'intervento chirurgico è stato eseguito correttamente, sussiste la responsabilità (contrattuale) dei sanitari in mancanza il consenso informato, in quanto il trattamento medico prestato senza consenso viola gli artt. 32 e 13 della Costituzione.
La sentenza è tuttavia interessante sotto il profilo probatorio; fermo restando che l'onere della prova di avere fornito un valido consenso informato è a carico dei sanitari convenuti, il Tribunale di Forlì chiarisce che la sottoscrizione di un modulo prestampato e generico, senza riferimenti specifici al caso concreto, non costituisce nemmeno un indizio al riguardo; la sentenza è interessante anche sotto il profilo del danno, perché il Tribunale di Forlì, in linea con il pensiero dottrinale prevalente e costante giurisprudenza, afferma che, in mancanza di un consenso informato valido, è risarcibile l'intero danno subito dal paziente e non il solo danno derivante dalla violazione del diritto all'autodeterminazione.

Fonte: www.personaedanno.it





 

Copyright © 2005-2015 DermatologiaLegale.it - All rights reserved     •     privacy policy     •     cookie policy